OpenJailbreak è ora aperto a tutti [NEWS]

OpenJailbreakSe siete degli sviluppatori interessati al mondo del jailbreak allora sappiate che è stato aperto al pubblico un nuovo sito che mira a semplificare la collaborazione di voi creatori di software: OpenJailbreak.org

OpenJailbreak.org è frutto del lavoro di Joshua Hill, popolare e prolifico creatore di jailbreak conosciuto anche come P0sixninja. Hill, autore di molti un jailbreak nel corso degli anni, sta ora cercando di rendere la comunità dei jailbreakers molto più coesa di quanto non sia stata in passato.

Parlando all’evento WWJC del 25 agosto Hill stesso ha spiegato che ritiene ci siano cinque differenti tipologie di utenti dei jailbreak: utenti medi, fan, sviluppatori, ricercatori  e creatori di jailbreak. OpenJailbreak.org è principalmente indirizzato ai tre ultimi tipi, ma anche a chiunque voglia imparare come si sviluppa un jailbreak da zero. L’obiettivo del sito è quello di avere uno spazio condiviso che possa diventare la “casa” dello sviluppo dei jailbreak rendendo di fatto più semplice per tutti realizzarne la “magia” e, nel lungo termine, Hill spera anche che, altre ad ospitare i progetti, il sito possa contribuire a rendere il jailbreaking possibile anche negli anni a venire.

La cosa più importante da ricordare però è che OpenJailbreak.org non è un jailbreak !

photo (2)

Ad oggi gli sviluppatori e creatori di jailbreak sono sparsi per il mondo e procedono spesso autonomamente nel processo di creazione degli exploits che poi noi utenti utilizzeremo per “liberare” i nostri dispositivi. Qualche volta questi sviluppatori si riuniscono in gruppi, ma il tutto è molto meno organizzato di quanto potrebbe essere ed il sito di Hill mira proprio a rendere la collaborazione più semplice offrendo un repository centralizzato per il codice che, ad oggi, è aperto a tutti. La tecnologia utilizzata è Redmine, sicuramente già familliare agli sviluppatori, ed in caso abbiate già usato Github vi sentirete come a casa.

Se volete approfondire il tema potete scaricare da qui le slide di presentazione di Hill.

Questa voce è stata pubblicata in Apple, Notizie, Tecnologia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.